Piazza Salute
Home Page cerca:  Farmacia   Medico
Farmaci e parafarmaci
Prodotti da banco
Patologie
Bellezza e benessere
Controllo della salute
Donna
Esperto
Fitoterapia
Igiene e cura
Infanzia
Omeopatia
Primo soccorso
Salute del cittadino
Sessualitą
Terza etą
Tutela del malato
Vita di coppia
Home page  » Infanzia » Attualitą 
Disegno di legge per la salute della donna e del bambino

Disegno di Legge "Norme per la tutela dei diritti della partoriente, la promozione del parto fisiologico e la salvaguardia della salute del neonato".

La salute della donna e del bambino e' una priorita' nazionale.

"Il provvedimento - spiega il Ministro Turco - e' nato dalla convinzione che la promozione della salute materno infantile sia un obiettivo prioritario da perseguire a livello nazionale per i riflessi positivi che produce sulla
qualita' della vita delle donne e dei loro bambini e, di conseguenza, sulla salute della popolazione complessiva. E' il frutto della consapevolezza delle molte criticita' da affrontare per realizzare una piena tutela della salute
materno infantile quali la diminuzione drastica della natalita' (nel 1960 i nati erano circa un milione, nel 2005 sono passati a 569 mila), l'aumento dell'eta' media della donna per la nascita del primo figlio, il limitato
livello di informazione e le differenze territoriali e sociali di accesso ai servizi che non permettono alla donna di vivere con piena consapevolezza la gravidanza, il parto e il puerperio".

Forniamo di seguito, la relazione illustrativa del Provvedimento.


DISEGNO DI LEGGE

Norme per la tutela dei diritti della partoriente, la promozione del parto fisiologico e la salvaguardia della salute del neonato.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

L'esigenza di un disegno di legge che promuova la tutela dei diritti della partoriente, il parto fisiologico e la salvaguardia della salute del neonato nasce dalla convinzione che la promozione della salute materno - infantile sia un obiettivo prioritario da perseguire a livello nazionale, in ragione dei riflessi positivi che e' in grado di generare sulla qualita' della vita della
madre, del bambino e, di conseguenza, della popolazione complessiva.

Nel nostro Paese negli ultimi 40 anni si sono verificati rilevanti cambiamenti nella dinamica demografica, cambiamenti che richiedono al legislatore statale e
regionale una rinnovata attenzione verso l'area della salute riproduttiva. Le indagini condotte a livello nazionale mostrano numerosi progressi rispetto al passato - il rischio di nati - mortalita' si e' quasi dimezzato rispetto ai
valori dei primi anni '80, la piu' parte delle donne entra in contatto con un operatore sanitario nei tempi raccomandati e riceve assistenza prenatale, la totalita' dei parti e' assistita da un operatore sanitario, la percentuale di nati pre-termine e sottopeso e' stabile intorno al 6% - ma esistono ancora nodi critici da affrontare per realizzare una piena tutela della salute materno - infantile.

La natalita' e' diminuita drasticamente, passando da circa un milione di nati nel 1960 a 569mila nel 2005, ed e' aumentata l'eta' media delle donne alla nascita del primo figlio, da 25,2 anni nel 1981 a 28,1 nel 1997. Parimenti sono aumentate le gravidanze di donne di 35 anni e piu': da 65mila (l'11,5% del totale) nel 1990 a 93mila (il 17,5% del totale) nel 1997. L'aumento di eta' delle donne alla nascita dei figli incide sul loro comportamento nel corso della gravidanza. Tra le donne che decidono di avere un figlio in una fase avanzata della vita si registra un piu' elevato livello di informazione e una maggiore capacita' di autodeterminazione sulle scelte da compiere durante la
gravidanza e al momento del parto. Nondimeno gli stessi fattori sono alla base di un'eccessiva medicalizzazione e di un sovrautilizzo delle prestazioni diagnostiche, che rischiano di trasformare gravidanza e parto da eventi
naturali in eventi patologici. A questo proposito basti pensare che nel biennio 2004-2005 il numero medio di ecografie effettuate dalle donne in gravidanza e'
stato 5,5 e il 29% delle donne ha fatto 7 o piu' ecografie, mentre il protocollo del Ministero della Salute ne raccomanda 3. La percentuale di donne che nello stesso periodo ha svolto 7 o piu' visite e' stata del 56,4%. Anche i parti effettuati mediante taglio cesareo sono in costante aumento: 11,2% nel 1980, 27,9% nel 1996, 29,9% nel biennio 1999-2000, 35,2% nel periodo 2004-2005 (con un picco del 45,4% nelle regioni meridionali). Quest'ultimo, oltre ad
essere il dato piu' alto fra i Paesi dell'Unione europea, e' di 2 volte superiore a quello raccomandato dall'Organizzazione Mondiale della Sanita' nel
1985 (pari al 15%) ed e' in contrasto con le stime che indicano il rischio di mortalita' materna per cesareo da 2 a 4 volte superiore rispetto al parto vaginale.

Nel contempo si registra ancora un limitato livello di diffusione delle informazioni necessarie alla donna per vivere con piena consapevolezza la gravidanza, il parto e il puerperio. E' ormai acclarata l'importanza della
preparazione al parto per la salute della donna e del bambino. La percentuale di donne che ha frequentato un corso pre-parto si aggira intorno al 30%, con forti differenze per area geografica (40% nell'Italia centrale e settentrionale
e 12,7% e 14,9%, rispettivamente, nell'Italia meridionale e nelle isole) e livello di istruzione (le donne laureate sono il 65,6%, quelle con la licenzia media il 34,2% e quelle con la sola licenza elementare il 20,2%), ma colpisce che a livello nazionale le donne a maggior rischio di non frequentare i corsi siano quelle meno istruite, in fasce d'eta' estreme, che risiedono nelle regioni meridionali, le pluripare e le casalinghe.

Vi sono alcune differenze territoriali che non possono essere tralasciate. Le regioni meridionali e insulari del Paese presentano dati peggiori di quelle centrali e settentrionali per quanto concerne il ricorso al parto cesareo e all'anestesia generale, il tasso di mortalita' neonatale e infantile, il basso peso alla nascita, il ricorso all'allattamento al seno. Nelle stesse regioni
per le donne vi sono piu' ridotte possibilita' di frequentare corsi pre-parto e di scegliere le modalita' del parto. Nel biennio 2004-2005 il 23,4% delle donne
nell'Italia meridionale e il 21,8% nell'Italia insulare ha dichiarato di non aver partecipato a un corso di preparazione al parto perche' non organizzato dalle strutture di riferimento o non accessibile. Il 45,9% delle donne nell'Italia meridionale e il 42,8% in quella insulare ha dichiarato di essere stata sola al momento del parto perche' la struttura non permetteva la presenza
di altre persone. Da ultimo e' necessario ricordare che la popolazione residente in Italia cresce in buona misura grazie all'afflusso di nuovi immigrati. Il saldo naturale positivo dei cittadini stranieri gia' residenti in
Italia compensa il saldo naturale negativo della popolazione di cittadinanza italiana, contribuendo cosi' all'incremento della popolazione residente nel Paese: nel 2004 il saldo tra le nascite e i decessi della popolazione complessiva e' stato positivo per 15.941 unita' proprio grazie all'apporto dei nati stranieri. I cittadini stranieri residenti in Italia al 1 gennaio 2005 erano 2.402.157, di cui 1.175.445 donne (pari al 48.9%), per la maggior parte in eta' fertile. Le indagini finora condotte sulla popolazione immigrata
mostrano un maggiore tasso di nati - mortalita' e di mortalita' neonatale, un maggior numero di parti pretermine e di bambini a basso peso alla nascita.

Emerge altresi' una maggiore difficolta' per le donne straniere di accedere ai circuiti di informazione e ai servizi socio-sanitari.

Alla luce di questo quadro, e in coerenza con gli obiettivi fissati dal Progetto - obiettivo Materno Infantile (D.P.C.M. 24 aprile 2000) e con il Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 (D.P.R. 7 aprile 2006), il presente disegno di legge si propone di promuovere una maggior tutela dei diritti della gestante e del neonato ed un'appropriata assistenza all'intero percorso - nascita da parte del Servizio sanitario nazionale nell'ambito dei Livelli essenziali di
assistenza definiti dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 novembre 2001, e successive integrazioni.

L'articolo 1 individua le finalita' del disegno di legge, quale strumento normativo inteso a:

a) promuovere un'appropriata assistenza alla nascita, tutelando i diritti e la libera scelta della gestante;

b) perseguire la tutela della salute materna, il benessere del nascituro e quello delle famiglie nell'esperienza della genitorialita';

c) ridurre i fattori di rischio di malattia, pre e post - concezionali del nascituro attraverso appropriati interventi preventivi;

d) promuovere una appropriata salute preconcezionale per prevenire patologie della madre e implementare l'attivita' dei consultori familiari rivolta alla salute riproduttiva, con programmi specifici per la tutela della maternita' e
per la promozione dell'allattamento al seno;

e) promuovere la piu' ampia conoscenza delle modalita' di assistenza e delle pratiche socio - sanitarie raccomandata, con particolare riferimento ai corsi di accompagnamento alla nascita, anche al fine dell'apprendimento e dell'uso
delle modalita' per il controllo del dolore nel travaglio - parto, ivi comprese le tecniche che prevedono il ricorso ad anestesie locali e di tipo epidurale;

f) rafforzare gli strumenti per la salvaguardia della salute materna e della salute del neonato; favorire il parto fisiologico e promuovere le modalita' per l'appropriatezza degli interventi, al fine di ridurre l'incidenza dei tagli
cesarei e aumentare la prevalenza dell'allattamento al seno, secondo le raccomandazioni dell'O.M.S. - UNICEF;

g) assicurare la qualita' dell'assistenza ostetrica e pediatrico/neonatologica nel periodo perinatale, da valutare con indicatori adeguati sull'impiego e sui risultati delle pratiche raccomandate in base alle prove scientifiche, a
partire dal tasso di prevalenza dell'allattamento esclusivo al seno all'atto della dimissione dal reparto;

h) contrastare le disequita' territoriali e sociali di accesso ai servizi per la tutela materno - infantile anche per la popolazione immigrata, attraverso l'adozione del modello basato sull'offerta attiva;

i) promuovere l'offerta attiva di informazione e consulenza alle donne pre - gravidanza, alle gestanti ed alle puerpere, anche mediante i corsi di accompagnamento alla nascita, stimolando l'impegno in tal senso dei servizi
consultoriali, su tutti i profili di maggior rilevanza inerenti alle diverse fasi di sviluppo del neonato e del bambino ed al rapporto madre - figlio, con particolare riguardo per la promozione, il sostegno e la protezione
dell'allattamento al seno e per la rilevanza e la tempestivita' delle vaccinazioni.

Per meglio perseguire in concreto tali finalita' l'articolo 2 prevede una specifica rimodulazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali a favore della gestante, della partoriente e del neonato, con le consolidate
procedure di cui all'articolo 54 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, in tal senso individuando alcune specifiche priorita', quali, in particolare, un'adeguata assistenza preventiva per la salute pre - concezionale e la
continuita' assistenziale dalla gravidanza fino al puerperio, garantendo maggiore integrazione tra presidi territoriali e strutture ospedaliere; un miglior controllo del dolore nel travaglio - parto, anche con il ricorso a
tecniche avanzate di anestesia locale e di tipo epidurale; il pronto riconoscimento in sede neonatologica del nato con malformazioni, malattie genetiche o menomazioni con conseguente attivazione dei centri territoriali e
specialistici di riferimento per l'assistenza multidisciplinare integrata; l'organizzazione dell'offerta sul territorio attraverso Unita' territoriali di
assistenza primaria e di Centri regionali per l'assistenza al bambino, quali punti di riferimento per patologie complesse.

L'articolo 3, infine, prevede in particolare una specifica intesa con le Regioni, in coerenza con il "piano sanitario nazionale2006 - 2008" adottato con decreto del Presidente della Repubblica 7 aprile 2006, da stipularsi ai sensi
dell'articolo 8, comma 6 della legge 5 giugno 2003, n. 131, espressamente diretta a promuovere in modo concertato le attivita' volte a realizzare le finalita' della legge, demandando coerentemente al CIPE - su proposta del
Ministro della salute e d'intesa con la Conferenza permanente Stato - Regioni, il compito di destinare risorse specifiche per il conseguimento degli scopi della legge, nell'ambito della quota complessivamente finalizzata al
raggiungimento degli obiettivi del Piano sanitario nazionale.

Conseguentemente, si prevede - da un lato - che il programma di lavoro del Sistema nazionale di verifica e controllo sull'assistenza sanitaria (SiVeAS), di cui all'articolo 1, comma 288 della legge 23 dicembre 2005, sia integrato
con una specifica linea di attivita' riferita alle disposizioni della legge in esame e - dall'altro - che, in sede di relazione annuale al Parlamento sullo
stato di attuazione del Piano sanitario nazionale, il Ministro della salute riferisca anche sugli esiti dell'intesa con le Regioni dianzi citata, sulla base dei dati specifici da esse acquisiti.

Fonte: www.ministerosalute.it
 
«« indietro