Piazza Salute
Home Page cerca:  Farmacia   Medico
Farmaci e parafarmaci
Prodotti da banco
Patologie
Bellezza e benessere
Controllo della salute
Donna
Esperto
Fitoterapia
Igiene e cura
Infanzia
Omeopatia
Primo soccorso
Salute del cittadino
Sessualitą
Terza etą
Tutela del malato
Vita di coppia
Home page  » Donna » Ciclo mestruale 
Che cos'e' il ciclo

Il ciclo mestruale e' un processo corporeo che si manifesta
tutti i mesi dell'anno a intervalli di circa 28 giorni. La
comparsa del flusso di sangue e' causata dalla
desquamazione e dallo sfaldamento del tessuto mucoso di cui
e' rivestito l'interno della cavita' uterina. Questa
desquamazione e' anche causa della rottura di molti vasi
capillari che irrorano il miometrio. Durante le
mestruazioni il sangue non riesce a coagulare e si
normalizzera' al termine del ciclo.
La prima parte del ciclo inizia gia' durante i precedenti
cicli mestruali.
Lo strato di mucosa piu' vicino all'utero, una volta
ripulitosi delle cellule morte, dara' vita al nuovo
endometrio. L'ipofisi produrra da questo momento le
"gonadotropine", la piu' importante delle quali l'Fsh,
stimolera' la maturazione di un solo ovulo. In questo
momento iniziera' la produzione di estrogeni, responsabili
della crescita della mucosa dell'utero, che continuera' ad
aumentare fino all'ovulazione.
Quando, verso il quattordicesimo giorno, l'ipofisi scarica
gli ormoni, si origina la rottura del follicolo e quindi la
perdita dell' ovulo pronto per la fecondazione che
raggingera' l'utero.
L'ovaio produrra' cosi' gli ormoni ovarici e, da questo
momento, la mucosa uterina si trasformera' in "endometrio
secretivo".
A questo punto inizia la fase post-ovulatoria che dura
circa 14 giorni. Se c'e' stata la fecondazione, il corpo
luteo continuera' a produrre sempre piu' estrogeni e
progestreroni necessari per lo sviluppo dell'embrione. Se,
invece, l'ovulo non e' stato fecondato, il corpo luteo si
atrofizza e causa la diminuzione di estrogeni e
progesteroni. Le prostaglandine stimolano cosi' la
contrazione dell'utero originando il sanguinamento. Ha
cosi' inizio la mestruazione che terminera' dopo
l'espulsione di tutte le cellule dell'endometrio.
Il ciclo mestruale e' soggetto a notevoli variazioni e
in certe donne puo' anche ricorrere ad intervalli di
21, 30, 35 o addirittura 40 giorni. Cio' che e' importante
osservare sono i cambiamenti di ritmo del ciclo mestruale.
Il significato di un flusso irregolare varia a seconda del
tipo di irregolarita' o di una leggera variazione di uno o
due giorni, sia nell'inizio sia nella durata del flusso; e'
abbastanza comune ed e' priva di significato patologico.
Cambiamenti sensibili della data di inizio, della durata
e della quantita' del flusso, o la presenza di perdite
di sangue indipendenti dalla mestruazione devono essere
portati all' attenzione del medico, come anche la presenza
di perdite "colorate" prima o dopo il ciclo. Le
irregolarita' mestruali possono essere originate da:
squilibri ormonali; infezioni; stati ansiosi; ecc.. La cura
consiste nel combattere le cause che determinano le
irregolarita' mestruali. Se l'irregolarita' e' dovuta a
stati ansiosi puo' essere utile l'uso di sedativi vegetali.
 
«« indietro